La Sicilia di Andrea Camilleri

/ Sneak Peek

Muore l’uomo, ma la Sicilia di Andrea Camilleri non morirà mai. La si mostri al mondo intero con orgoglio. Si lotti per spazzarne via ogni bruttura. Questo è ciò che va fatto.

Noi Siciliani, ad Andrea Camilleri, glielo dobbiamo.

A quel mago con la sigaretta in bocca e la voce che non era una voce, ma era più un turbinio. Un mago con la coppola. Da quella coppola ha tirato fuori una Sicilia che non esisteva. Andrea Camilleri è un mago con la coppola e Vigata è il suo bianco coniglio.

La Sicilia di Andrea Camilleri non morirà mai.

Un Siciliano in senso buono, e la Sicilia che ha raccontato resterà la miglior versione di se stessa. Figlia di una lucidità inalterata e inalterabile.

Che non si dica che Andrea Camilleri è morto. O almeno, che si esaurisca in fretta il tempo del cordoglio, perché è il tempo della vita che scorre in fretta e indietro non torna.

E cosa pensate di fare? Far si che muoia due volte, e per giunta invano? Senza sfruttare ciò che ci ha lasciato? Saremmo degli autentici cretini. Mentre noi, noi Siciliani, abbiamo l’intelligenza e la ricchezza dei bastardi, la loro vivacità e arguzia.

Photo Credit | Visit Vigata

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*